(039) 672634 info@medicinaessere.it

Viaggio in un luogo sconosciuto.

Avete mai sentito parlare di perineo? Scommetto che molte non ne hanno sentito parlare prima della gravidanza! Con questo articolo voglio portarvi alla scoperta del perineo.

Il perineo è un insieme complesso di muscoli situati nella parte bassa del bacino. La struttura è rivestita all’interno da guaine muscolari e legamenti che, intrecciandosi gli uni con altri, la chiudono sul fondo, formando un piano di appoggio solido e stabile come un basamento.

Per questo motivo viene anche chiamato Pavimento Pelvico; questa impalcatura costituisce il sostegno ideale per i delicati organi che contiene. Ma cosa succede se questo pavimento “perde” la sua forza? Quali sono le conseguenze?

Esistono diversi fattori che possono compromettere la tonicità e quindi la funzionalità del perineo:

Il peso del feto sui muscoli del pavimento pelvico.
  • Menopausa, il calo degli estrogeni rendono i muscoli del perineo meno tonici;
  • Gravidanza, il peso del feto e la compressione dell’utero possono influire sull’equilibrio del pavimento pelvico;
  • Parto vaginale, soprattutto se con episiotomia o lacerazione.
  • Attività sportiva troppo intensa;
  • Tosse cronica, una tosse intensa e frequente esercita una forza costante sul perineo, indebolendolo.
  • Stitichezza;
  • Fumo;
  • Sforzi eccessivi, come il trasporto di oggetti pesanti.

I preconcetti e i tabù intorno ai quali viviamo e la scarsa educazione a conoscere questa parte del corpo ci portano a scoprirla solo quando c’è un problema. La scarsa consapevolezza di questa parte porta a compiere nel quotidiano errori comportamentali tali da creare serie conseguenze future. Sappiamo tutti che prevenire è meglio che curare, quindi dobbiamo prendere dei provvedimenti nel quotidiano o prima – per esempio – di affrontare una gravidanza.


Rieducazione e riabilitazione del pavimento pelvico

L’obbiettivo della riabilitazione è quello di migliorare la contrattilità e la tonicità della muscolatura del pavimento pelvico, per mantenere al meglio le sue funzioni di sostegno e di continenza. Come funziona la rieducazione del pavimento pelvico?

Fase di apprendimento

Prima di tutto si parte con una fase di apprendimento: si spiega al paziente che cos’è e come funziona il perineo e a che cosa corrisponde la sua disfunzione. Solo successivamente vengono effettuati i primi esercizi terapeutici. La presa di coscienza è un passaggio fondamentale, senza il quale non è possibile riabilitare i muscoli perineali.

La respirazione

Nella riabilitazione del pavimento pelvico è di primaria importanza la respirazione, per cui verranno fatti degli esercizi mirati alla tipo di problema della paziente interessata, dove la respirazione rimarrà sempre al centro dell’attenzione.

Gruppi di esercizi

Esercizi per il pavimento pelvico

Gli esercizi sono divisi in tre gruppi ben distinti:

  1. esercizi di contrazione pelvica, detti gli invisibili
  2. esercizi sulla corretta postura durante gli sforzi
  3. esercizi di distensione e rilassamento pelvico

Quali sono i vantaggi durante il parto, se si segue prima un allenamento costante dei muscoli perineali?

  • Avere un perineo pronto all’estensione durante il parto (quando avviene l’espulsione del feto i muscoli del perineo sono sottoposti a un notevole stiramento);
  • Avere un maggior controllo sul perineo durante gli sforzi (tosse, starnuto e sollevamento pesi);
  • Raggiungere una maggiore consapevolezza tramite la respirazione e il rilassamento nel processo del parto;
  • Avere una maggiore consapevolezza della contrazione, del rilascio e della spinta dei muscoli perineali (spinta defecatoria corretta senza gonfiare la pancia) per evitare al momento del parto durante il periodo espulsivo una contrazione paradossa del puborettale.
L’importanza dei muscoli perineali durante il parto.

TEST: funzionalità perineale femminile

Vi lascio un breve test rivolto a tutte le donne a prescindere dall’età (adolescenti, gravide,  puerpere, donne in menopausa), provate a farlo!

  1. Quante volte fai pipì durante le 24 ore?
  2. Quante volte senti un forte ed improvviso bisogno di urinare, che hai paura di controllare o che controlli con molta difficoltà (urgenza minzionale)?
  3. Ti capita di avere perdite di urina durante un colpo di tosse, uno starnuto, una corsa, sollevando un peso, stando in piedi o alzandoti, sedendoti o camminando?
  4. Ti capita di perdere urina dopo la minzione?
  5. Hai sofferto di emorroidi durante la gravidanza?
  6. Hai pesantezza al basso ventre quando sei in piedi?
  7. Hai mai scoperto una “specie di pallina in vagina”?
  8. Provi dolore a trattenere le feci o gas?
  9. Hai dolore durante i rapporti?
  10. Hai avuto incidenti che hanno coinvolto il coccige?
  11. Il parto è stato molto violento? Hai subito una episiotomia o lacerazione?
  12. Si è ricorsi al forcipe, alla ventosa per estrarre il bambino?
  13. Hanno spinto sull’addome?
  14. La sessualità è cambiata in ragione dei cambiamenti fisici della zona perineale (dolore, perdita di sensibilità, riduzione del piacere, etc.) ?
  15. Il peso del tuo bambino superava i 4 kg?
  16. Fai fatica a defecare?

Se hai risposto a quattro o più domande ti consiglio sottoporsi al test perineale, che consiste in una valutazione globale (posturale, respiratoria, comportamentale etc) fatta da un’esperta della riabilitazione del pavimento pelvico.

Anna Maria Vitale

Infermiera esperta nella riabilitazione del pavimento pelvico

Diplomata come Infermiera professionale nel 1982 a Lecco, negli anni si è specializzata in rieducazione e riabilitazione pelvi-perineale. Dal 2009 lavora come libera professionista in qualità di riabilitatrice del pavimento pelvico presso l’istituto scientifico Euromedica di Milano. Tiene varie conferenze pubbliche sulle disfunzioni perineali e sessioni di ginnastica pelvica di gruppo e individuale presso il centro Essere- Salute e Benessere.

Alimentazione in menopausa

Come abbiamo visto nell’articolo scritto dalla dott.ssa Mauri, l’aumento di peso in menopausa può causare diverse patologie per cui è fondamentale fare prevenzione e condurre uno stile di vita sano per limitare l’aumento di peso. Partiamo innanzitutto dall’alimentazione in menopausa, quali sono i cibi che dobbiamo prediligere e quali limitare. Seguire una dieta appropriata per…

Continue Reading Alimentazione in menopausa

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lasciaci il tuo indirizzo e-mail, ti manderemo la programmazione dei seminari e degli incontri che organizziamo presso il nostro centro. Potrai rimanere aggiornato sui corsi e leggere gli articoli dei nostri specialisti che affronteranno ogni volta tematiche diverse sulla nostra salute. 

Grazie per esserti iscritto a riceverai una mail di conferma.